OPERE DI LUCE DALLE COLLEZIONI ALTOATESINE OSPITI DI EWO

Nell‘anno internazionale della luce ewo espone nel foyer dell’azienda opere luminose provenienti da importanti collezioni d‘arte pubbliche e private dell‘Alto Adige. Dopo l‘esordio con alcune opere appartenenti alla collezione di Museion firmate da Maurizio Nannucci, Claudio Olivotto e Stephen Antonakos, sarà la volta del collezionista Heinrich Gasser presente da maggio ad agosto con “Capri-Batterie”, un multiplo di Joseph Beuys del 1985. Per l´autunno è previsto l´allestimento di un lavoro di luce dell´artista gallese Cerith Wyn Evans, appartenente ad una collezione privata altoatesina.

Un limone fa illuminare una lampadina?

“Capri Batterie” di Joseph Beuys è protagonista della piccola, deliziosa mostra allestita nel foyer della ewo con opere della collezione Heinrich Gasser. Beuys riteneva che il cambiamento dovesse iniziare dal singolo per poi allargarsi alla società. Il multiplo nato nel 1985 si compone di una cassetta di legno e di un limone connesso a una lampadina. Sulle istruzioni per l’uso si legge “dopo 1000 ore sostituire la batteria”. Il messaggio suggerisce che un limone è potenzialmente in grado di tenere accesa una lampadina. Con questo lavoro Joseph Beuys, uomo e artista che con veemenza si è battuto a favore di un equilibrio fra natura e tecnologia, vuole spiegare che molte forme di energia scaturiscono dalla natura e che essendo limitate, le risorse naturali vanno usate con cura. Da oltre 20 anni ewo si occupa di luce. Con la sua tecnologia orientata alla sostenibilità l’azienda dà un contributo importante al risparmio energetico. Completano la mostra altre tre opere di Joseph Beuys.

Inaugurazione e aperitivo: 15 maggio 2015 alle 19.00, alla ewo di Cortaccia.