1 2 3 4 5 6

CITTADELLA NUOVA, PISA

La Cittadella Nuova, una fortezza edificata a Pisa intorno al 1440, deve il suo nome odierno Giardino Scotto al giardino allestito al centro della costruzione nel XIX secolo. ewo ha collaborato al progetto che ha portato all’apertura degli spazi interni al pubblico.

L’età del patrimonio architettonico ha imposto un approccio prudente. La richiesta di integrare in un solo oggetto varie funzioni di illuminazione è stata dettata dall’impossibilità di eseguire tracce a piacimento nelle mura per far passare i cavi elettrici. A questa esigenza si aggiungevano anche riflessioni di carattere estetico: la percezione degli ambienti originari doveva rimanere più intatta possibile.

In collaborazione con l’architetto incaricato del progetto, dopo varie prove in loco e attraverso la costruzione di alcuni prototipi, è stata ideata una stele luminosa in alluminio verniciato a polveri, in cui la forma e i materiali hanno carattere funzionale. Si è voluto optare per una soluzione che, pur non integrandosi con le superfici degli ambienti con soffitto a volta, risulta discreta e rispettosa dei limiti.

La luce emessa si collega al contrario all’ambiente circostante in molteplici modi: le unità di illuminazione orientate verso l’alto richiamano l’attenzione del visitatore sui soffitti a volta e creano una luminosità diffusa dall’alto.

La luce emessa dal centro della stele illumina la zona centrale dell’ambiente, mentre quella irraggiata dall’apertura vicino al pavimento mette in risalto lo spazio intorno alla stele stessa. Negli interni ciascuna colonna è anche un nodo dell’infrastruttura: alloggia infatti delle prese di corrente e segnala le uscite di sicurezza. Verso l’esterno la stele illumina generosamente l’ambiente con una luce sia diffusa sia direzionata e fornisce una luminosità uniforme. Tra le antiche mura della fortezza si genera così un’atmosfera calda e morbida.

Project: CITTADELLA NUOVA
Architecture: ARCH. FABIO DAOLE
Lighting design: ARCH. DAOLE
Location: PISA, ITALY
Client: COMUNE DI PISA
Project year: 2013