1 2 3 4 5 6 7

QUAI RAMBAUD, LIONE

Nel 2012 l’amministrazione di Lione ha avviato i lavori di riqualifica del lungofiume Saône. Sono circa tre chilometri di viali pedonali a valorizzare la qualità urbana lungo il corso d’acqua che attraversa il centro città. Il relativo progetto illuminotecnico, seguito dallo studio Les Eclairagistes Associés (LEA), cerca un approccio globale dando priorità alla massima riduzione dell’inquinamento luminoso e alla qualità della passeggiata.

ewo è stata chiamata ad occuparsi dell’illuminazione di Quai Rambaud, una zona pedonale che si affaccia direttamente sul fiume. Qui gli elementi a stele della serie EL sono integrati da due tipi di apparecchi testa-palo appositamente sviluppati per il progetto. “Entrambi si leggono come varianti, come declinazioni della serie EL, si vede insomma che fanno parte della stessa famiglia”, spiega il lighting designer Joseph Frey che dirige il progetto per lo studio LEA. Dalla combinazione dei prodotti nasce in tal modo un linguaggio formale sovrano, in perfetta armonia con l’ariosa impostazione dello spazio urbano caratterizzato da lunghe panche. I pali sono una produzione speciale intonata allo standard della città di Lione. Tuttavia il numero di punti luce necessari è ridotto rispetto ad una soluzione standard: questo anche perché i pali integrano apparecchi di potenza del F-System.

L’impianto contribuisce fra l’altro a garantire la sicurezza richiesta in quest’area sorvegliata da videocamere. Le curve fotometriche sono studiate per raggiungere gli impianti sportivi e le banchine, con una netta delimitazione in corrispondenza degli argini: l’acqua del fiume rimane al buio, al pari degli houseboat ormeggiati. La luce configurata in modo preciso, l’attenzione per il risparmio energetico e la qualità dell’allestimento testimoniano la coerenza dell’impianto illuminotecnico nel suo complesso.

Project: QUAI RAMBAUD – CONFLUENCE
Location: LYON, FRANCE
Client: VILLE DE LYON
Lighting Design: JOSEPH FREY, LEA (LES ECLAIRAGISTES ASSOCIES)
Project Year: 2015
Photography: XAVIER BOYMOND